«Il vero senso dell’arte non è creare begli oggetti. È piuttosto un metodo per capire, un modo di penetrare il mondo e di trovarvi il proprio posto.»

PAUL AUSTER, SCRITTORE

iscriviti alla nostra newsletter

Che cos’è l’arteterapia?

L’arteterapia è intesa come un termine generico per le forme di terapia ad orientamento psicoterapeutico che lavorano con mezzi creativi e artistici. Sono comprese cinque diverse specializzazioni riconosciute dallo Stato:

  • Terapia plastico-visiva
  • Terapia del movimento e della danza
  • Teatroterapia e drammaterapia
  • Arteterapia intermediale
  • Musicoterapia

Il canto e la musica, la pittura, il disegno e il movimento permettono alle persone di trovare un’espressione per le loro esperienze e i loro sentimenti. L’approccio terapeutico è olistico e individuale, con l’obiettivo di attivare le risorse esistenti e promuovere l’autoregolazione della persona a livello mentale, fisico e sociale. L’arteterapia rafforza l’autonomia, attiva le capacità di autoguarigione e sostiene i processi di sviluppo personale.

Terapia plastico-visiva

Quando si dipinge e si disegna, le persone si mettono in gioco. In questo modo si ha un accesso diretto a se stessi, alle proprie risorse, ai propri problemi e ai propri disturbi. La concentrazione sul processo creativo della pittura consente alla persona di giungere a una comprensione più profonda di sé e del proprio ambiente e la incoraggia ad esprimere con colori e forme ciò che non può essere espresso a parole.

Terapia del movimento e della danza

L’esplorazione nel e con il corpo fisico, emotivo e sottile sono componenti centrali della terapia del movimento e della danza. Ciò apre la possibilità di sperimentare il corpo in una gamma ampliata di movimenti, in una percezione più precisa delle sue caratteristiche, nell’improvvisazione e nella progettazione. Ciò promuove l’espressione diretta, pre-verbale, non verbale e verbale, nonché la comunicazione con l’ambiente, che consente un approccio sensoriale e basato sull’esperienza ai problemi e alle malattie.

Teatroterapia e drammaterapia

Il lavoro terapeutico con il linguaggio e il teatro utilizza specificamente mezzi linguistici, gestuali, drammatici e creativi per scopi terapeutici. Le scene di vita vengono trasformate in una realtà drammatica. Questa realtà immaginativa viene esplorata, resa tangibile ai sensi, ampliata e trasformata in un processo artistico-terapeutico. Il contesto sicuro è un campo di sperimentazione che incoraggia la scoperta giocosa e il dispiegamento di nuove possibilità di espressione e ruoli di vita.

Arteterapia intermediale

La terapia intermediale utilizza i diversi linguaggi delle arti, come l’immagine, la musica, il movimento, il gioco scenico, il design tridimensionale, la performance e i nuovi media. La percezione sfaccettata attraverso tutti i sensi apre una varietà di risorse e approcci alle soluzioni. Una componente centrale di questa specializzazione è l’offerta di diversi media artistici, la loro combinazione e il loro collegamento, che consentono di raggiungere ampiezza e profondità.

Musicoterapia

La musica muove, risveglia i sentimenti e può esprimerli. Apre la porta alla parte più intima dell’essere umano. La musica si crea attraverso un costante cambiamento e ha quindi un rapporto speciale con lo sviluppo, con il divenire. Attraverso esperienze ludiche con gli strumenti, con la propria voce e con gli elementi musicali della melodia, dell’armonia e del ritmo, si mette in moto un processo terapeutico-creativo che ha un effetto stabilizzante, costruttivo e curativo su corpo, anima e spirito.

In ospedale, gli arteterapeuti fanno parte di un’équipe terapeutica multidisciplinare. Le misure appropriate vengono discusse in seno all’équipe di cura e adattate alle esigenze individuali dei pazienti in base alla loro età, alle loro possibilità e alle loro inclinazioni.

Dal 2011, il titolo di arteterapeuta qualificato (ED) è riconosciuto e tutelato come professione indipendente dall’Ufficio federale della formazione professionale (UFFT). L’esame è organizzato dall’organizzazione OdA ARTECURA sotto la supervisione della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Indicazioni per l’arteterapia nei bambini e negli adolescenti

 

Per i giovani ricoverati, il soggiorno in ospedale è un evento significativo e spesso doloroso. Oltre ai vari interventi medici, c’è la paura dell’ignoto, il dolore, la separazione dalla famiglia e dagli amici, e tutto questo in un ambiente asettico, sconosciuto e mutevole. Una grave malattia o un incidente colpiscono ogni aspetto dell’essere di un bambino: fisicamente, emotivamente e psicologicamente. I piccoli pazienti perdono qualità di vita. L’arteterapia raggiunge i bambini malati laddove le iniezioni e i farmaci non arrivano. Aiuta i piccoli pazienti ad esprimere le proprie emozioni attraverso l’immaginazione e vari mezzi artistici, come le arti plastiche e visive o la musica. Come riportato dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità  (p.29-36), queste terapie dolci e non invasive promuovono e accelerano il processo di guarigione e hanno un effetto positivo a lungo termine sulla salute dei piccoli pazienti e delle loro famiglie. Queste terapie consentono loro di comprendere meglio ciò che stanno vivendo, di gestire le loro paure, di ridurre lo stress e di acquisire fiducia. 

Aree di trattamento :

(Elenco non esaustivo)

Malattie

Efficacia dell’arteterapia

Nei neonati e nei prematuri:

Adattamento e insuccesso nella crescita, disturbi dell’alimentazione, malformazioni congenite (p.es. difetti cardiaci), disturbi dello sviluppo cerebrale, infezioni

Sostegno dello sviluppo cerebrale, miglioramento della respirazione, riduzione dello stress, rafforzamento della relazione genitore-bambino
Gravidanze a rischio, problemi di allattamento, difficoltà di attaccamento Rilassamento, pace interiore, rafforzamento della relazione genitore-bambino

Malattie croniche:

Malattie cardiache (p.es. difetti cardiaci congeniti), malattie respiratorie (p.es. asma), malattie metaboliche (p.es. diabete), cancro (p.es. leucemia), epilessia, malattie della pelle, allergie, malformazioni congenite e disabilità

Affrontare attivamente la malattia, alleviare i sintomi concomitanti della malattia, esprimere la sofferenza senza parole, trovare le proprie risorse, trarre nuova forza, trovare distanza dalla sofferenza

Malattie acute:

Infezioni (p.es. polmonite, meningite, sepsi)
Interventi chirurgici
Incidenti

Malattie e disturbi psicosomatici:

Disturbi alimentari (obesità, anoressia, bulimia), malattie mentali, disturbi comportamentali (ansia, aggressività, regressione, depressione, sindrome borderline)

Esprimere ciò che si prova, essere consapevoli del corpo e dell’immagine corporea, migliorare l’autostima, migliorare la qualità di vita

Grazie!

HEAD OFFICE

Fondation ART-THERAPIE
Rue de Beaumont 11
CH-1206 Genève

+41 78 838 24 26
info(a)arttherapie.org

SOCIAL

NEWSLETTER

Iscriversi alla newsletter qui

PROTEZIONE DEI DATI
Member of proFonds, the Swiss umbrella organisation for charitable foundations and associations.